Vai al contenuto principale Vai alla navigazione principale Vai alla navigazione secondaria

Logotipo Provincia Autonoma di Bolzano

Gestione amministrativa

In quali settori possono essere attive le organizzazioni di promozione sociale? Quali sono gli obblighi connessi all'iscirzione? E quali vantaggi conseguono all'iscrizione? Le risposte si trovano su questo sito.

Il registro provinciale delle organizzazioni di promozione sociale

Descrizione generale

Con la legge quadro del 7 dicembre 2000, n. 383 sono state istituite le cosiddette "associazioni di promozione sociale". A livello provinciale questa categoria associativa è stata introdotta nel 2003 tramite modifica della legge provinciale n. 11/1993 che ora reca il titolo "Disciplina del volontariato e della promozione sociale". Il legislatore ha inteso promuovere e valorizzare tutti gli enti genericamente detti non profit che curano interessi generali della società; non si rivolge quindi a realtà specifiche e parziali, come p.e. aveva fatto precedentemente con le organizzazioni di volontariato o le cooperative sociali. Le organizzazioni di promozione sociale possno svolgere le loro attività soprattutto per i propri associati e familiari; inoltre possono, per la realizzazione dei fini istituzionali, ricorrere ai propri associati assumendoli come dipendenti o come lavoratori autonomi.

Nel "registro provinciale delle organizzazioni di promozione sociale" possono essere iscritte le organizzazioni in possesso dei requisiti che presentano apposita domanda all'Ufficio Affari di gabinetto. Con l'iscrizione è possibile applicare diverse agevolazioni fiscali, vantaggi e semplificazioni nelle procedure amministrative.

Il "registro provinciale delle organizzazioni di promozione sociale" è stato istituito dalla Giunta Provinciale con delibera n. 953 del 29 marzo 2004.

Per essere iscritte al registro delle organizzazioni di promozione sociale le associazioni devono svolgere le loro attività in uno dei seguenti settori:

  • assistenza sociale e sanitaria
  • cultura, educazione e formazione
  • attività sportive, ricreative e di tempo libero
  • protezione civile, tutela dell'ambiente e del paesaggio
  • promozione del turismo sociale, tutela dei diritti dei consumatori e utenti, diritti umani e pari opportunità, nonché cooperazione allo sviluppo.

Le organizzazioni in possesso dei requisiti richiesti possono fare domanda di iscrizione al registro provinciale delle organizzazioni di promozione sociale da presentarsi all'Ufficio Affari di gabinetto. All'iscrizione conseguono agevolazioni e vantaggi fiscali.

 

Obblighi conseguenti all'iscrizione

Le organizzazioni di promozione sociale iscritte al registro provinciale comunicano le modificazioni dell'atto costitutivo e dello statuto, il trasferimento della sede, il cambiamento del rappresentante legale e la delibera di scioglimento all'ufficio competente affinché quest'ultimo possa procedere alla annotazione delle modifiche nel registro. Tale comunicazione deve avvenire tempestivamente e comunque entro 45 giorni dall'evento.

Inoltre le organizzazioni iscritte presentano annualmente entro il 31 maggio all'Ufficio competente una relazione sull'attività svolta ed il rendiconto economico.

 

I vantaggi e le agevolazioni per le organizzazioni di promozione sociale

Nella legge quadro statale sono previsti le seguenti agevolazioni e vantaggi fiscali:

Imposte dirette

Le disposizioni contenute nel testo unico delle imposte dirette art. 148, comma 3  (D.P.R. 22/12/1986, n. 917) prevedono che per alcuni enti di tipo associativo le prestazioni di servizi e le cessioni di beni rese nei confronti dei propri associati, anche dietro pagamento di un corrispettivo specifico, non hanno rilevanza fiscale. Per le associazioni di promozione sociale tale disposizione è stata estesa anche quando le prestazioni di servizi e le cessioni di beni sono resi nei confronti dei familiari conviventi degli associati.

Tributi locali

Gli enti locali possono deliberare riduzioni sui tributi di propria competenza per le associazioni di promozione sociale.

Le associazioni iscritte nel registro provinciale delle organizzazioni di promozione sociale della Provincia autonoma di Bolzano sono esenti dal pagamento dell'IRAP salvo l'obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi (art. 5, comma 11 della legge provinciale n. 11 del 01.07.1993).

Imposta sugli intrattenimenti

Le quote e i contributi corrisposti alle associazioni di promozione sociale non concorrono alla formazione della base imponibile ai fini dell'imposti sugli intrattenimenti.

Le erogazioni liberali

Le donazioni alle associazioni di promozione sociale da parte delle persone fisiche e delle imprese sono detraibili nella dichiarazione dei redditi quale spesa straordinaria. Nella misura del 19% possono essere detratti dal reddito fiscale:

  • erogazioni di denaro da parte di persone fisiche fino ad un importo non superiore a 2.065,83 €. La detrazione è consentita a condizione che il versamento delle somme sia eseguito tramite banca o ufficio postale. Analoga detrazione compete proporzionalmente ai singoli soci di società semplice, per i versamenti effettuati dalla società stessa
  • erogazioni liberali di imprese non superiori a 1.549,37 € o al 2% del reddito d'impresa dichiarato.

Altre agevolazioni

Accesso ai finanziamenti del Fondo sociale europeo. Lo Stato, le regioni, le province, i comuni e gli altri enti pubblici possono stipulare convenzioni con le associazioni di promozione sociale iscritte da almeno sei mesi nei registri, per lo svolgimento delle attività previste dallo statuto verso i terzi. Lo Stato, le regioni, le province ed i comuni possono concedere in comodato alle associazioni di promozione sociale (e alle organizzazioni di volontariato), non a titolo provvisorio o saltuario, propri beni mobili e immobili che non sono utilizzati ai fini istituzionali, con l'unico onere a carico delle associazioni di adibirli a svolgimento delle loro attività istituzionali.